Il 68-esimo anniversario dell’Assedio nazista di Leningrado (San Pietroburgo)

Ladoga 300x191 Il 68 esimo anniversario dellAssedio nazista di Leningrado (San Pietroburgo)

Lago Ladoga Ладожское озеро

Oggi è il 68-esimo anniversario dell’inizio dell’Assedio nazista di Leningrado (la città Russa che da tempo è nuovamente chiamata San Pietroburgo). Circa 500 veterani della guerra e gli abitanti, ancora in vita, dell’epoca in cui la città era assediata, hanno preso parte a una manifestazione-Requiem “Noi ricordiamo”, che si è tenuta a San Pietroburgo.

Gli eventi di oltre mezzo secolo fa ricordati anche attraverso la ristampa dell’edizione del giornale locale, il Leningradskaya Pravda, datata 9 settembre 1941, di cui una copia è stata consegnata ad ogni veterano. Sulle tombe dei soldati, dei difensori e degli abitanti di Leningrado assediata, i pietroburghesi di oggi, i loro nipoti, hanno portato corone di fiori.

La storia
Era l’8 settembre 1941 quando Leningrado fu tagliata fuori dal continente, l’assedio durò per quasi 900 giorni. Nella città mancavano riserve di combustibile, acqua, luce e riscaldamento; ed in breve tempo arrivò la fame. Fu introdotto il razionamento alimentare urbano: per i lavoratori 250 grammi di pane al giorno e per altri 125. Per fame morirono più di 641 mila persone (ancora oggi questo dato è incerto, c’è chi parla di oltre un milione di vittime). I bombardamenti uccisero circa 17 mila abitanti ed altri 34 mila rimasero feriti; 716 mila i civili senza fissa dimora.

La strada della vita” è apparsa alla fine del mese di novembre dell’anno 1941, sulla quale arrivavano le forniture per Leningrado assediata attraverso il lago Ladoga. Sulla strada della vita passavano munizioni, armi, cibo, evacuati, malati e feriti. All’inizio dell’assedio nella città e nei sobborghi abitavano circa 3 milioni di civili, tra i quali, tra il 1941-1942 sono state evacuati lungo la strada della vita e per via aerea 1,7 milioni di persone. Alla fine dell’Assedio di Leningrado rimasero non più di 800 mila abitanti.

Nel gennaio del 1943 l’assedio finalmente venne meno poiché era stata restaurata una comunicazione terrestre di Leningrado col mondo ed il 27 gennaio 1944 l’assedio fu completamente rimosso.

KOS

Print This Post

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *