Elezioni regionali italiane: Astenersi

Beppe Grillo Pinocchio 221x300 Elezioni regionali italiane: Astenersi

Беппе Грилло Буратино Beppe Grillo Pinocchio

Domani iniziano le elezioni regionali in Italia; non sono simpatizzante del PDL tanto meno del PD e neanche dei partiti minori, in senso di percentuali, come l’IDV. Ma non vedo nell’emergente nuovo “MoVimento 5 Stelle” di Beppe Grillo la vera alternativa.

E’ dal 1992 che non voto; mai andato per mettere nell’urna la scheda bianca o invalida, ma proprio non mi presento ai seggi per conferire la mia preferenza; continuerò a fare parte del grande partito degli astenuti, di coloro che evitano di votare poiché non vedono alcuna reale alternativa politica.

Alternativa che non trovo neppure nel nuovo MoVimento 5 Stelle del comico genovese Beppe Grillo; avrà tanti buoni propositi e un programma innovativo, sarà anche la soluzione adeguata per un reale ricambio dei politici.. ma da dove nascono quelle idee? Molti si riconoscono nel programma: fuori i condannati in via definitiva dal parlamento, due legislature e poi a casa, acqua pubblica, energia da fonti alternativa, incentivo alle produzioni locali, raccolta differenziata e riciclo totale per il traguardo del rifiuti zero e tanti, tanti altri affascinanti obiettivi.. E nel clima politico italiano, oramai alla frutta, probabilmente ascoltando queste fantastiche idee nessuno si pone alcuni interrogativi. Grillo, quando intervistato, elenca tutto ciò che andrebbe fatto per rimettere in piedi il paese, ma della fattibilità di quelle nobili idee non ne ha mai discusso pubblicamente, con degli esperti, su attuabilità e tempistiche. Sarebbe a dire, per esempio sul tema energia: quanto tempo servirà per cambiare le infrastrutture di un paese come l’Italia e come si andrà avanti nel mentre?

Il programma politico perfetto – ciò che tutti vorrebbero
Beppe Grillo nelle interviste racconta che le idee a cui si ispira sono nate da Internet – cioè nel suo sito – e parla di forum. E non solo i progetti attuali del Movimento 5 Stelle ma, se ricordate, anche quando consegnò nelle mani di Romano Prodi il documento delle “Primarie dei Cittadini” si presentò quale portavoce e affermò di aver redatto le proposte a nome di tutto il popolo della rete con il contributo e l’aiuto del “forum” dei visitatori del suo blog!

E dov’è questo forum?
Probabilmente Beppe Grillo si riferisce ai commenti che lasciano i lettori; be’ c’è una bel divario tra un forum di discussione e dei messaggi sotto a un post! Innanzi tutto i commenti arrivano dopo, e il tema lo decide l’autore; cioè Beppe Grillo, o suoi collaboratori, scrive e pubblica un articolo e successivamente i visitatori hanno l’opportunità di lasciare uno o più commenti. Laddove in un forum sono gli iscritti a far nascere le tematiche e gli argomenti per poi discuterne.. questa non è una piccola differenza; nel primo caso è l’autore a decidere di che trattare e cosa escludere!


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /home/zheni4ka/massmediumblog.com/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273