I tre giorni di Berlusconi in Russia, San Pietroburgo, Valday

Putin Berlusconi1 300x205 I tre giorni di Berlusconi in Russia, San Pietroburgo, Valday

Putin e Berlusconi Путин и Берлускони

Silvio Berlusconi in Russia, a San Pietroburgo insieme a Vladimir Putin e poi nella dacha a Valday.

Perché Berlusconi è venuto a San Pietroburgo? All’improvviso, cancellando l’incontro con il re giordano Abdullah, senza dar nessun preavviso, neanche al Presidente della Repubblica Napolitano e provocando così l’indignazione del PD (partito democratico).

Politica con divertimento
Il primo ministro italiano è arrivato a San Pietroburgo portando del vino, con cui ha festeggiato il compleanno di Vladimir Putin nella sua residenza di Valday; Putin il 7 ottobre ha compiuto 57 anni. La dimora consiste in un piccolo cottage di due piani, in mattoni rossi, sulla riva del lago Valday. È munita anche di una piazzola adibita per l’atterraggio di elicotteri.

Silvio Berlusconi è venuto in Russia senza informare il Parlamento né della causa né dei fini della sua partenza, accompagnato da un solo addetto e nessun giornalista. La stampa, italiana e russa, ha ottenuto informazioni sull’incontro solo attraverso il portavoce di Vladimir Putin, Dmitriy Peskov.

Sarà mai possibile che le trattative di livello statale siano risolte così segretamente e all’improvviso? Oppure South Stream e le proposte sui trasporti sono solo una copertura per nascondere qualcosa d’altro?

Divagazioni sul calcio
La discussione dei tre primi ministri sul South Stream è passata in un’atmosfera amichevole. Putin e Berlusconi erano sul lago Valday e il primo ministro turco Erdogan parlava con loro in videoconferenza, i tre si sono scambiati commenti sul calcio: “Recep – scherza Berlusconi – un abbraccio affettuoso. E quando prendi la parola mi aspetto i complimenti per la vittoria del Milan con il Real Madrid“. Tocca al premier turco che si congratula “con il caro Silvio” mentre Putin ricorda il successo di qualche giorno fa della russa Rubin Kazan sul Barcellona. “Il gol della vittoria – aggiunge – lo ha segnato un giocatore turco, Batuhn Karadeniz“.

Trascrizione originale del dialogo tra Putin, Berlusconi ed Erdogan.

Promesse sui trasporti
Putin e Berlusconi hanno incontrato i dirigenti delle società russe impegnate in grandi progetti con partner italiani. La Russia è stata rappresentata da parte di tre imprese, in particolare: il direttore generale della società “Sukhoi” Mikhail Pogosyan, il capo della Kamaz Sergey Kogogin, così come il capo della società “Sollers” Vadim Shvetsov. Queste informazioni sono trapelate attraverso il giornale Izvestia.

Pogosyan ha detto che la compagnia aerea italiana ItaLy ha firmato un contratto con Sukhoi per la fornitura 10 aerei e che inizierà a riceverli nel 2010. Kogogin, impegnato in un progetto congiunto con Fiat per la linea di produzione di attrezzature agricole, ha rivelato che sul mercato della Russia c’è bisogno di prodotti di alta tecnologia e prodotti localmente. Shvetsov, che anche lavora con Fiat, ha detto a Putin e Berlusconi, che costruire l’impianto di “Sollers” nel Territorio del Litorale sarà possibile già prima della fine del mese di ottobre 2009.

Berlusconi ha domandato il numero dei lavoratori e delle vetture prodotte, poi ha improvvisamente espresso il desiderio di acquistare la prima automobile che sarà prodotta nella fabbrica di Shvetsov.

GER

Print This Post

Post correlati

1 comment for “I tre giorni di Berlusconi in Russia, San Pietroburgo, Valday

Rispondi