Nevsky Express: Deraglia il treno Mosca San Pietroburgo, esplosivo sui binari

Nevsky Express 300x195 Nevsky Express: Deraglia il treno Mosca San Pietroburgo, esplosivo sui binari

Nevsky Express Невский Экспресс

Questo articolo è indirizzato ai lettori italiani che sono, ovviamente, meno informati dei russi. Mentre in Russia tutti i principali canali televisivi dedicano la maggior parte delle trasmissioni alla tragedia, mostrando in diretta le novità, i discorsi del presidente e dei ministri, testimoni e medici.
I media italiani invece preferiscono palar più di Berlusconi..

Un’esplosione sulla ferrovia fra Mosca e San Pietroburgo ha causato 26 morti, 18 dispersi e 96 feriti. È stata una bomba a far deragliare il treno numero 166 “Nevsky Express“; tutto è avvenuto in aperta campagna ad oltre 300 chilometri da Mosca, venerdì sera alle 21.34 ora locale (le 19.34 in Italia). L’ordigno aveva una potenza pari a 7 kg di tritolo. La magistratura russa ha aperto un’inchiesta: le ipotesi sono quelle di terrorismo e uso illegale di armi. Gli investigatori hanno rinvenuto sulla scena del disastro “elementi di un congegno esplosivo”; vicino ai binari è visibile anche il cratere aperto dalla bomba, del diametro di un metro e mezzo e profondo 70 cm.

Durante i lavori e i rilevamenti alle 14 locali una seconda carica è stata trovata ed è esplosa, ma solo in parte. In quel momento erano li vicini il capo del comitato investigativo della procura Bastrykin Alexander, il capo del dipartimento principale di criminologia e altri impiegati del comitato investigativo. Solo per pura fortuna coloro che erano nelle vicinanze non sono rimasti feriti.

La circolazione dei treni sui binari ancora in riparazione sarà completamente ristabilita nella notte.

Italiano ferito
Sul treno Nevsky Express c’era un italiano, Armando Noacco, 58 anni, che viaggiava sul primo vagone ed è rimasto ferito, in un primo momento ricoverato nell’ospedale di Valday, ove gli è stata diagnosticata la frattura del bacino, è stato trasferito in elicottero in un ospedale di San Pietroburgo e sottoposto ad intervento chirurgico; le sue condizioni sono buone ma, per la quantità del sangue perso a causa della frattura, restano severe e in osservazione.

Sul treno viaggiavano 661 passeggeri e 20 tra macchinisti e addetti ai vagoni letto. I dispersi, secondo alcune persone che si trovavano sul Nevsky Express, sarebbero saliti a bordo di un treno che passava in direzione opposta, sulla linea San Pietroburgo-Samara.

L’incidente
Il Nevsky Express, un convoglio a 14 vagoni, viaggia sulla linea veloce che collega Mosca a San Pietroburgo percorrendo il tragitto in sole quattro ore e mezzo; raggiunge velocità di 200 km orari. Per questo il biglietto del Nevsky Express costa caro ed è utilizzato per lo più da persone con un buon livello di reddito, uomini d’affari, deputati, ecc.

Venerdì sera il treno è uscito dalla carreggiata tra Alyoshinka e Uglovka, 350 km a nord di Mosca alle 21.34 ora locale (le 19.34 in Italia). Gli ultimi tre vagoni sono deragliati. Sul luogo dell’incidente, avvenuto a circa 25 km dalla località di Bologoye, a ridosso delle regioni di Tver e Novgorod (nord di Mosca), sono state impegnate tutta la notte le squadre di soccorso, gli elicotteri della protezione civile e un ospedale mobile.

Per il ritardo dei soccorsi nelle prime due ore successive all’esplosione e deragliamento del treno i passeggeri hanno dovuto aiutarsi tra loro e far tutto da soli, uscendo dalle lamiere contorte dei vagoni, portando fuori i feriti più gravi e vedendoli morire davanti ai loro occhi.

2 comments for “Nevsky Express: Deraglia il treno Mosca San Pietroburgo, esplosivo sui binari

  1. Super Mario Star Scramble 2
    18 gennaio 2016 at 22:13

    «Noi militanti del gruppo autonomo Combat 18 rivendichiamo la responsabilità per l’esplosione del treno Nievski Express. Ci saranno altre azioni in futuro. E’ giunta l’ora. Noi dichiariamo che la guerra toccherà ogni uomo della strada, in questa guerra non ci possono essere ne persone estranee ne vittime innocenti, ci sono solo i nostri sostenitori e i nostri nemici.»

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.