Il capo della Federal Reserve russa, Sergei Ignatyev, sta bene e ringrazia!

Sergei Ignatyev 300x225 Il capo della Federal Reserve russa, Sergei Ignatyev, sta bene e ringrazia!

Сергей Игнатьев Sergei Ignatyev

La Federal Reserve russa, cioè usando il termine corretto, la Banca Centrale della Russia; o meglio il suo capo Sergei Ignatyev, che gode di buona salute, ieri ha comperato un amuleto, un bel corno rosso, poiché è venuto a sapere che in Italia quello è il giusto antagonista della sfiga. Si perché da un paio di giorni quasi tutti i mezzi di informazione italiani lo danno per morto!

I media italiani, negli ultimi articoli della tragedia del treno Mosca San Pietroburgo, apposta oppure per trascuratezza, chiamano il Rosreserv la Federal Reserve russa, quando in realtà sono due cose ben diverse l’una dall’altra!

Innanzi tutto chiariamo che la tragica fine riguarda il capo della Rosreserv, Boris Yevstratikov, nella recente catastrofe del treno Nevsky Express, presentando le nostre condoglianze alla famiglia.

Confusione dei termini
Rosreserv e Federal Reserve sono due termini molto differenti. Il Federal Reserve System conosciuto anche come Federal Reserve ed informalmente come la FED, è la banca centrale degli Stati Uniti d’America; non della Russia. Le stessi funzioni in Russia (cioè stabilire la politica monetaria nazionale, supervisionare e regolare le istituzioni bancarie) le esegue la Banca Centrale della Russia; il suo capo Sergei Ignatyev, per fortuna, non era sul quel treno.

Cos’è allora la Rosreserv?
Non ha niente a che vedere con la Federal Reserve americana e nemmeno con la Banca Centrale russa. Rosreserv è l’Agenzia Federale per le Riserve dello Stato, una struttura che fa capo al Ministero del Commercio e lo Sviluppo Economico della Federazione russa; si occupa di creare le riserve materiali di prodotti indispensabili in tutti i casi di catastrofi dovute a calamità, incidenti e/o conflitti armati (generi di prima necessità, alimentari, farmaci, ecc.). Per adempiere a tale funzione Rosreserv è stata autorizzata a creare una rete di magazzini ove vengono stoccate scorte di prodotti da utilizzare in caso di emergenza.

Il suo capo, Boris Yevstratikov, vittima della brutta tragedia del treno Nevsky Express, era nato nel 1958 nell’allora Leningrado (oggi San Pietroburgo) e si era formato all’alta scuola di ingegneria navale Ammiraglio S. O. Makarov. Nel 2004 aveva fatto parte dell’Accademia giuridica del ministero degli interni russo. Il 10 marzo di quest’anno era stato nominato dirigente di Rosreserv. Era stato insignito dell’alto riconoscimento “Per i servizi resi alla patria” e aveva ricevuto una medaglia in occasione del “Trecentesimo anniversario della flotta russa”.

I media italiani mendaci
Purtroppo nel gioco di parole Rosreserv-Federal Reserve e nell’associare a quest’ultima (se proprio volete chiamare la Banca Centrale della Russia così) Boris Yevstratikov, partecipano anche i mezzi di informazione italiani grandi ed autorevoli come il quotidiano La Repubblica, la Rai, l’AGI (Agenzia Giornalistica Italia) e molti altri.. Ad esempio il giornale Repubblica titola “Russia: Attentato a treno, morto capo Federal Reserve russa“; idem Il Tirreno e L’Espresso. Wall street italia: “Terrorismo e complotti: Ucciso il capo della Federal Reserve russa“, e così via gli altri quotidiani online a fare i pappagalli.

362 web20 320x240 sul treno capo federal reserve russa Il capo della Federal Reserve russa, Sergei Ignatyev, sta bene e ringrazia!

Coinvolti nella notizia mendace anche molti giornali di economia, tanti altri piccoli siti e i blog. Ci domandiamo se questo gioco (dei grandi media) sia cosciente oppure è il risultato della noncuranza nel redigere gli articoli?

Lo scopo della confusione
L’obiettivo del miscuglio dei termini potrebbe essere quella di sopravalutare l’effetto della catastrofe del treno Nevsky Express, deragliato a causa di una bomba, sulla stabilita della Russia, del suo sistema finanziario e del rublo, per impressionare non solo i semplici lettori ma anche i mercati finanziari, gli uomini d’affari e i politici.

Quando mai i media italiani cesseranno di cercare notizie sensazionali (che poi si rivelano bufale) e del portare avanti la propaganda anti Russia?

GER

per leggere “Il capo della Federal Reserve russa, Sergei Ignatyev, sta bene e ringrazia!” in lingua russa clicca sul titolo che segue in cirillico, нажми “От главы Центробанка России Сергея Игнатьева – привет итальянским СМИ” для просмотра версии на русском.

Print This Post

Post correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.