Faust di Sokurov riceve il Leone d’Oro di Venezia

Leone d oro Venezia 150x150 Faust di Sokurov riceve il Leone dOro di Venezia

Leone d'oro Золотой лев

Il film del regista russo Aleksandr Sokurov (Александр Сокуров) “Faust” (Фауст ) ha ricevuto il Leone d’Oro alla 68-ma edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. La scorsa volta che il premio maggiore della Biennale andò in mani russe risale al 2003, grazie al film “Il Ritorno” (Возвращение) del regista russo Andrey Zvyagintsev (Андрей Звягинцев); per altri Leoni d’oro a russi dobbiamo risalire all’epoca dell’Unione sovietica, nel 1991 Nikita Mikhalkov (Никита Михалков) con il film Urga – Territorio d’amore (Урга – территория любви) e nel 1962 il regista Andrey Tarkovskiy (Андрей Тарковский), con il film L’infanzia di Ivan (Ivanovo detstvo, Иваново детство).

Si può parlare di una rinascita del cinema russo?
“Faust” è piuttosto un film internazionale o meglio europeo; si basa sulla libera interpretazione della tragedia omonima dello scrittore tedesco Johann Wolfgang von Goethe. Il film è girato in lingua tedesca con la partecipazione di attori tedeschi. Sokurov si rivolge a temi universali come l’imperfezione delle persone, la loro capacità di agire con cattiveria “nel male” e “nel bene” in modo buono.

Trailer del film Faust di Aleksandr Sokurov:

La pellicola “Faust” rappresenta la quarta ed ultima opera della tetralogia storica di Sokurov sui personaggi chiave della storia del XX secolo: Moloch del 1999 (Molokh, Молох) su Adolf Hitler (Premio per la migliore sceneggiatura a Cannes); del 2001 Toro (Телец) su Vladimir Lenin; del 2005 Il Sole (Солнце) sull’imperatore Hirohito. Faust apparentemente non centra in questa galleria di ritratti essendo un personaggio letterario; però insieme a loro Faust vive una infelicità patologica e secondo Goethe gli infelici sono pericolosi.

Sokurov ha mostrato il mitico Faust come una persona comune e soggetta all’avidità, alla vanità ed alla lussuria; Faust non è solo una nuvola di pensieri ma era un uomo reale.

  • Biennale di Venezia: Vince Samuel Maoz con Lebanon e la russa Rappoport migliore attrice (0)
  • Da Venezia a San Pietroburgo Festival del Cinema Italiano (0)
  • Settimana del Cinema Italiano (0)
  • Pasolini al Consolato Generale d’Italia di San Pietroburgo (0)
  • NICE 2011: A San Pietroburgo il cinema italiano (1)
  • Rispondi