Eventi italiani a San Pietroburgo – Dicembre 2012

Mimmo Jodice mito del mediterraneo Eventi italiani a San Pietroburgo   Dicembre 2012

Fotografia il mito del Mediterraneo di Mimmo Jodice Фоторгафия Миф средиземноморья Миммо Йодиче

Presentiamo un elenco di manifestazioni italiani, che si terranno a San Pietroburgo a dicembre 2012.

1 dicembre 2012, ore 17 – Film “Divorzio all’italiana” presso il Centro di cinefili italiani, Belinskogo ulitsa, 9.

5 dicembre 2012, ore 19 – Cineforum “L’immagine di Giotto nel film Decameron di Pasolini” presso la sede dell’Associazione per i rapporti con l’Italia, Liteinji Prospect, 60.

7 – 9 – 11 dicembre 2012, alle 19 – La bella addormentata nel bosco di Ottorino Respighi, al Teatro dell’opera e del balletto del Conservatorio Statale “Rimsky-Korsakov”.

L’opera di Respighi La Bella addormentata nel bosco venne composta nel 1921 su libretto del poeta Gian Bistolfi per la compagnia I Piccoli del celebre marionettista Vittorio Podrecca e rappresentata al Teatro Odescalchi di Roma. Tra gli intellettuali che frequentano il vivace ambiente romano dell’epoca c’è anche il giornalista russo Alessandro Amfiteatrov che fa conoscere a Respighi le partiture del compositore Cesare Kjui, fondatore con Balakirev del Gruppo dei Cinque, create per il Teatro delle Marionette di Leningrado ed ispirate alle più note fiabe russe. Nasce così la decisione di produrre La Bella Addormentata per gruppo da camera, cantanti e marionette su imitazione della tradizione russa.

L’opera è ispirata alla celebre versione della fiaba di Charles Perrault che tutti conoscono. La regia vuole ricreare l’atmosfera magica della fiaba, ma anche essere un omaggio al mondo degli anni venti e trenta italiani grazie ai costumi ed alle maschere fantastiche ideate dalla scenografa e costumista Daniela Casati Fava. Oltre ai personaggi principali l’opera è affollata da personaggi minori che derivano dalla tradizione comica italiana e creano situazioni molto vivaci e divertenti. L’illustratore Gek Tessaro (Premio Andersen 2012) crea in diretta i rapidi cambiamenti di scena proiettando sul fondale forme e disegni ottenuti con una particolare tecnica da lui ideata. Regia Sonia Grandis; direttore Marco Pace. In qualità di solisti si esibiranno gli studenti dei due Conservatori.

8 – 9 dicembre 2012, alle 18 – Documentari e cinema: Asolo Art Film Festival allo Studio “Lendok” di San Pietroburgo presso lo Studio di Film documentari Lendok (nab. Kryukova, 12).

L’otto dicembre si svolgerà la presentazione del Asolo Art Film Festival, accompagnata dalla proiezione di una rassegna di film documentari vincitori delle edizioni più recenti: “LEN” regia di Elia Romanelli, “How are you doing, Rudolf Ming?” del regista Robert Rubins e “Wooden people” del regista Victor Asliuk. Il programma verrà presentato dal Presidente del Festival, Attilio Zamperoni.

Nato nel 1973 per promuovere opere che non rientravano nel palinsesto televisivo e nella grande produzione cinematografica, AsoloArtFilm Festival s’è presto contraddistinto per la qualità e l’originalità della sua offerta giungendo ad accogliere, dal 2001 ad oggi, oltre cinquemila opere da ottantasei diversi Paesi. La collaborazione fra Studio di film documentari “Lendok” ed AsoloArtFilm Festival nasce nel 2012 sotto la promozione del Consolato Generale d’Italia e dell’Istituto italiano di Cultura di San Pietroburgo. Nel corso della sua 31-esima edizione AsoloArtFilm Festival ha ospitato la Rassegna Speciale di Cinema Russo, nella quale lo Studio di film documentari “Lendok” ha presentato una serie di opere di propria produzione, già vincitrici di numerosi riconoscimenti a livello internazionale; sulla vita di artisti, musicisti, ballerini, letterati pietroburghesi e sull’arte italiana della collezione del Museo Ermitage.

Il 9 dicembre verrà presentato in anteprima russa il film documentar io “Josif Brodskij – nella prigione delle latitudini” (Usa-Italia dei registi Jan Andrews ed Anny Carraro). In questo ritratto documentaristico si esplora lo spirito appassionato di Josif Brodskij, che ha sfidato ogni barriera per diventare uno dei più intriganti poeti contemporanei russi del 20-mo secolo. Interviste con studiosi e amici di Brodskij tracciano la sua esperienza quale ultimo scrittore russo arrestato dal KGB. Venne sottoposto ad un processo “kafkiano” e quindi esiliato nella Regione di Arkhangelsk. Sarà presente il regista Anny Carraro. Ingresso libero.

12 dicembre 2012, ore 19 – L’abito italiano del XV secolo nelle opere d’arte. Il modello bretone. Incontro e lezione di danza bretone presso la sede dell’Associazione per i rapporti con l’Italia, Liteinji Prospekt, 60.

10 dicembre 2012 – Serata di Presentazione dell’Associazione Amici del Museo Ermitage.

Dal 7 al 11 dicembre l’Associazione Amici dell’Ermitage di Firenze sarà a San Pietroburgo per la prima visita dei sostenitori del sodalizio ai tesori del museo pietroburghese. L’Associazione Amici del Museo Ermitage è nata a Firenze nel 2012 ed ha inaugurato, lo scorso 4 luglio, le sue attività accogliendo, per l’occasione, una delegazione del Museo guidata dal Direttore M. Piotrovsky e ricevuta dal sindaco della città Matteo Renzi.

14 dicembre 2012, ore 20 – Concerto del pianista Alessio Bax nella Sala Grande della Filarmonica “Shostakovich”

Il pianista italiano Alessio Bax inaugurerà, insieme all’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta dal Maestro Yurij Temirkanov, il Festival Internazionale “Piazza delle Arti” 2012 giunto alla 13-ma edizione. In programma il Concerto per pianoforte n. 24 in Do minore di Mozart ed “Ein Heldenleben” di R. Strauss.

Alessio Bax (Bari, 1977) diplomatosi in pianoforte, in soli cinque anni al Conservatorio di Bari, nel 1992 s’è trasferito negli Stati Uniti per perfezionarsi presso la Southern Methodist University di Dallas, dove attualmente fa parte del corpo docente della Meadows School of the Arts.

15 dicembre 2012 – Recital operistico “La diva e il maestro” alla sala del Conservatorio Rimsky-Korsakov. Dirige Massimiliano Caldi.

Dal 15 dicembre 2012 al 30 gennaio 2013 – La pittura figurativa di Alberto Lanteri a Veliky Novgorod alle ore 14 presso la Sala esposizioni del Museo Statale di Velikij Novgorod, Sofijskaya ulica, 2.

15 dicembre 2012, ore 16:30 – Film “Il ladro di bambini” presso il Centro di cinefili italiani, Belinskogo ulitsa, 9.

19 dicembre 2012, ore 19 – L’abito italiano del 15-mo secolo nelle opere d’arte. Il modello fiorentino. Incontro e lezione di danze italiane del XV secolo presso la sede dell’Associazione per i rapporti con l’Italia, Liteinji Prospect, 60.

20 dicembre 2012 – 10 gennaio 2013

Mostra di fotografie di Mimmo Jodice

Il mito del Mediterraneo” presso la Galleria di design Bulthaup

Le fotografie esposte fanno parte di un progetto dedicato al Mediterraneo, ai suoi luoghi ed alla sua cultura (1985-1996), che Mimmo Jodice ha intrapreso alla fine degli anni Ottanta, come naturale sviluppo del suo percorso di fotografo, capace insieme di documentare la realtà del presente e quella del passato, di narrare il paesaggio, urbano e naturale, contemporaneo e di dare nuova vita alle testimonianze della storia, siano esse opere d’arte o resti archeologici.

Nato a Napoli nel 1934, Mimmo Jodice inizia a fotografare negli anni Sessanta, in un clima di sperimentazione sul linguaggio fotografico, che nasce anche dalla sua frequentazione con il vivace ambiente artistico napoletano del periodo, dove incontra e ritrae anche personaggi come il gallerista Lucio Amelio, Andy Warhol, Joseph Beuys, Vito Acconci. Nel corso degli anni Settanta – quando inizia anche il suo insegnamento all’Accademia di Belle Arti di Napoli – la sua ricerca evolve in una direzione più specificamente documentaria, tesa ad analizzare la realtà sociale di Napoli e del meridione, tra nuove urbanizzazioni e persistenze della tradizione. E’ nel corso del decennio successivo che il suo linguaggio approda a quel caratteristico connubio tra realtà e visionarietà del paesaggio che ancora oggi caratterizza la sua fotografia. A tale risultato Jodice giunge attraverso la riflessione sulla pittura del Seicento napoletano, sulla grande stagione della metafisica, e sulla memoria e la presenza della grande civiltà del Mediterraneo, suo luogo privilegiato di azione.

25 dicembre 2012, alle 18:30 – Lezione dal titolo “Il miracolo economico italiano – lo stile Olivetti” a cura del professor V. V. Karpovich all’interno del Centro di formazione giovanile del Museo Statale dell’Ermitage, edificio dello Stato Maggiore, Dvortsovaya Ploschad, 6-8 (entrata sotto l’arco dello Stato Maggiore).

L’incontro si terrà nell’ambito del ciclo di incontri “Design, o alla ricerca di un grande stile”. L’industria di Adriano Olivetti ebbe uno straordinario successo nella seconda metà degli anni 40 grazie alla sua grande spinta innovatrice e di design. Trascinata dal suo prodotto di punta, la macchina da scrivere, in dodici anni – dal 1946 al 1958 – passò da 6.200 a 15 mila dipendenti raddoppiando il numero degli stabilimenti. L’ingresso è gratuito.

26 dicembre 2012, ore 19 – Serata di teatro natalizio sul tema l’abito italiano del XV secolo nelle opere d’arte “Ritratto di Bella Donna” presso la sede dell’Associazione per i rapporti con l’Italia, Liteinji Prospect, 60.

29 e 30 novembre4 e 30 dicembre 2012, alle ore 19 – “Don Carlo” di Giuseppe Verdi – Tradizione e tecnologie al Teatro Mariinsky.

L’opera, ambientata nel secolo XVI tra Francia e Spagna, è proposta dal regista italiano Giorgio Barberio Corsetti in un allestimento che riunisce ambientazioni e costumi dell’epoca e le suggestioni che l’uso della video art può dare. Le scene vengono così ampliate con quinte virtuali che approfondiscono la dimensione spirituale e psicologica dei personaggi, di cui l’opera è intrisa.

Giorgio Barberio Corsetti è tra i rappresentati principali del teatro di ricerca in Italia e dell’uso delle tecnologie sceniche. Debuttò nella regia di opere liriche nel 1999 con la “Maria di Rohan” di Donizetti, al Teatro La Fenice di Venezia. Nell’aprile del 2011 ha collaborato con Valery Gergiev per l’allestimento al Teatro alla Scala di Milano della “Turandot” di Giacomo Puccini. Collaborazione che continuerà anche nel 2013 in occasione del bicentenario della nascita di Richard Wagner e Giuseppe Verdi; i due allestiranno, infatti, al Teatro alla Scala di Milano – dal 28 marzo al 21 aprile 201 3 – l’opera verdiana “Macbeth”. Il Don Carlo, nell’allestimento di Barberio Corsetti, sarà in scena al Mariinsky in quattro date a cavallo dei mesi di novembre e dicembre 2012.

Opere liriche in lingua italiana al cinema “Avrora”

Una serie di cinque film che ripropongono integralmente le opere liriche in lingua italiana ambientate nei luoghi originali

Cinema Avrora «Аврора» Nevskij prospect, 60.

5 dicembre, ore 19:00 – Tosca di Giacomo Puccini (125 min.).

12 dicembre, ore 19:00 – Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini (169 min.).

18 dicembre, ore 19:00  – Le nozze di Figaro di Wolfgang A. Mozart (180 min.).

24 dicembre, ore 19:00 – Rigoletto di Giuseppe Verdi (130 min.).

30 dicembre, ore 19:00 – Così fan tutte di Wolfgang A. Mozart (193 min.).

MdM

Print This Post

Post correlati

1 comment for “Eventi italiani a San Pietroburgo – Dicembre 2012

Rispondi